Fotografare le tragedie: consigli dello psicologo.

Grazie al blog di PDN sono venuto a conoscenza di una ricerca effettuata da Paul Slovic, citata sul Columbia Journalism Review in un articolo intitolato: “What Journalism Can’t Do“, con sottotitolo: “In covering catastrophe, how can journalism make a difference?“.

If Slovic is right, then the challenge for journalism is to cover genocide and other “psychically numbing” catastrophes in ways that move beyond the big picture to the wallet-sized photo that attaches a single human face to the tragedy.

La ricerca la potete leggere su Decision Research

Argomento correlato:
Il fotografo di Minneapolis e la tragedia del ponte

Leave a Reply