logo


Gli scrittori la chiamano: “sindrome della pagina bianca“.

Non si tratta di una malattia, ma piuttosto di una crisi temporanea della creatività.

Siete seduti alla scrivania, con un foglio di carta bianca davanti, una penna in mano, vorreste scrivere qualche cosa, ma…
non sapete proprio da dove cominciare e magari, non avete nemmeno idea di quale argomento trattare.

Cari scrittori, non disperate, non siete i soli ad avere questi problemi.
Anche i fotografi soffrono di una sindrome analoga. Come si chiama? non ha un nome preciso; d’altra parte, riconoscerne i sintomi è molto semplice: ne siete afflitti quando avete del tempo a disposizione per realizzare un progetto fotografico, ma non avete idea di cosa fotografare; vagate con la vostra macchina fotografica al collo, ma non trovate niente che valga la pena di essere immortalato. Tutto tempo sprecato! che fare allora?! Cosa fotografare?

Keith Bedfor, fotografo freelance di New York, consiglia un approccio personale per risolvere questo tipo di “blocco” fotografico.

Prima di tutto occorre pensare a quale tipo di storie sareste disposti a leggere oppure quali fotografie vi soffermereste a guardare.
Se avete una risposta ad almeno uno di questi due quesiti, non dovreste incontrare difficoltà a farvi venire in mente nuove idee per realizzare interessanti reportage fotografici, lasciandovi guidare dai vostri interessi e dal vostro istinto. Ma non sempre ciò è possibile…

Un’altra soluzione per far fronte alle crisi di creatività è identificare delle storie di interesse nazionale o mondiale e rapportarle alla comunità locale.
Per esempio, in relazione al tema dell’influenza aviaria, che sta tanto a cuore all’opinione pubblica, potrebbe essere interessante realizzare un reportage fotografico, nella propria città, dedicato a tutta la filiera del pollame: dall’allevamento, fino alla vendita ed eventualmente al consumo.

Link:
Story ideas and self-motivated inspiration

  1. adolfo.trinca

    Interessante, nei ho scritto uno simile facendo eco a quanto apparso su clickblog.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: